Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coppa Italia, il Genoa esce di scena: sconfitto per 2 a 0 allo Juventus Stadium

Esordio in rossoblù per Giuseppe Rossi: in campo nel quarto d'ora conclusivo, "quasi" calcia un rigore, poi annullato con il Var

Genova. Non riesce l’impresa al Genoa, che esce negli ottavi di finale della Coppa Italia. La partita, sfida secca giocata allo Juventus Stadium, ha visto i rossoblù arrendersi per 2 a 0 alla squadra detentrice del trofeo.

La Juventus, composta da nove undicesimi da seconde linee, ha fatto il gioco fin dalle prime battute e ha sbloccato il risultato sul finire del primo tempo. Nella ripresa il Genoa, anch’esso privo di un buon numero di titolari, ha provato a farsi valere e ha costruito alcune buone occasioni da rete. Il gol, però, non è arrivato e i bianconeri hanno realizzato il raddoppio.

La cronaca. I padroni di casa guidati da Massimiliano Allegri giocano con il 4-2-3-1 con Szczęsny; Lichtsteiner, Barzagli, Rugani, Asamoah; Marchisio, Bentancur; Bernardeschi, Sturaro, Douglas Costa; Dybala. A disposizione ci sono Pinsoglio, Loria, Chiellini, Benatia, Alex Sandro, Khedira, Matuidi, Pjanić, Pjaca, Higuaín.

Ballardini schiera Lamanna; Biraschi, Rossettini, Gentiletti; Lazovic, Brlek, Cofie, Omeonga, Laxalt; Centurión, Galabinov. Le riserve sono Palladino, Rodriguez, Ricci, Landre, Zima, Rossi, Pellegri, Salcedo. Un 3-5-2 che diventa 5-3-2 in fase difensiva.

Arbitra Fabio Maresca della sezione di Napoli, assistito da Claudio La Rocca (Ercolano) e Daniele Bindoni (Venezia). Quarto uomo è Valerio Marini (Roma 1). Maurizio Mariani (Aprilia) e Stefano Alassio (Imperia) sono al Var.

Allo Stadium di Torino si contano poco più di 39 mila spettatori: tra le otto di questo turno, è di gran lunga la partita con più pubblico. La temperatura è intorno agli zero gradi. Locali in maglia a strisce verticali bianconere, calzoncini e calzettoni neri; liguri in maglia blu, calzoncini e calzettoni rossi.

L’inizio è a basso ritmo. La Juventus tiene in mano il pallino del gioco, senza forzare. A 9° fallo di Omeonga su Bernardeschi; punizione dai trenta metri, Dybala la calcia sulla barriera. All’11° un cross di Bernardeschi non viene racconto dai compagni in area.

Al 14° Galabinov serve Centurión, il cui tiro termina a lato. Al 16° si mette in luce Dybala: si libera di un paio di avversari e prova la conclusione, ribattuta. Poco più tardi Asamoah mette in movimento Douglas Costa, provvidenziale la chiusura di Lazovic.

Al 18° viene ammonito Bentancur per un fallo su Brlek; Lichtsteiner protesta e anche per lui c’è il cartellino giallo. Al 20° Lichtsteiner il primo corner della partita: palla messa al centro, la difesa rossoblù allontana in fallo laterale.

Al 22° Centurión perde palla in fase offensiva; Bentancur recupera, contropiede della Juventus in tre contro due, Bernardeschi scarica su Douglas Costa che entra in area, il suo tiro è deviato in angolo da Lamanna.

Al 27° viene atterrato Bernardeschi; la punizione calciata da Dybala viene allontanata dalla difesa. Alla mezz’ora ci prova Bernardeschi che supera Lamanna in uscita, si decentra e la sua conclusione si spegne sull’esterno della rete.

Scampati i pericoli il Genoa prova ad alzare il baricentro, ma al 34° si fa sorprendere e corre un altro grosso rischio quando arriva una palla in area per Marchisio che controlla, e gira a rete: palla alta.

Al 36° Gentiletti ferma irregolarmente Dybala e viene ammonito. Si incarica della punizione Douglas Costa che spara altissimo.

Al 39° incursione sulla sinistra di Douglas Costa, palla in mezzo dove irrompe Dybala che calcia a lato. Al 42° Gentiletti commette fallo su Dybala: l’arbitro non gli mostra il secondo cartellino, ma assegna la punizione, nei pressi dello spigolo dell’area. La calcia Bernardeschi: sinistro a giro indirizzato sotto la traversa, Lamanna ci arriva e devia in angolo.

Al 42° la Juventus passa in vantaggio con una grande giocata di Dybala che controlla e dalla mezzaluna dell’area fa partire un sinistro angolatissimo, imparabile per Lamanna.

Al 44° viene ammonito Galabinov per una manata in faccia a Rugani. Al 45° tiro di Marchisio, deviazione di Sturaro, Lamanna blocca con sicurezza.

Si va al riposo sul risultato di 1 a 0.

Nel secondo tempo è ancora la Juventus a gestire maggiormente il possesso palla, anche se i bianconeri sono più prudenti, quasi ad invitare il Genoa a scoprirsi. Al 5° palla da Douglas Costa a Rugani che gira al volo: alto.

Al 7° Barzagli effettua un passaggio avventato a Rugani, Centurión intuisce, ci mette il piede e intercetta, ma controlla male e la sfera termina a lato.

All’8° fendente di Bentancur dai venticinque metri: palla fuori. Difesa juventina nuovamente in difficoltà al 9°: Omeonga recupera un pallone ma la sua conclusione esce a lato.

Al 14° Douglas Costa si trova sui piedi un bel pallone ma scivola al momento del tiro: facile la parata di Lamanna.

Genoa pericoloso al 15°: Galabinov riceve palla in area e batte a rete con un sinistro potente ma centrale, Szczesny alza in corner.

Al 16° i primi cambi: entrano Higuain al posto di Douglas Costa tra i locali, Ricci al posto di Lazovic tra i rossoblù.

Al 19° nuova opportunità per Galabinov che dal limite calcia col sinistro verso il secondo palo: Szczesny si distende e non ci arriva, la palla esce di un soffio.

Al 25° Bentancur resta a terra dopo aver ricevuto una dura entrata di Rossettini. La Juventus, che stava un poco arrancando, respira.

Al 27° Davide Ballardini effettua la seconda sostituzione: Pellegri per Centurión. Il neo entrato viene subito ammonito per una manata a Sturaro.

Nella Juventus al 28° Chiellini prende il posto di Lichtsteiner. Al 31° i bianconeri scrivono la parola fine sulla partita: Dybala vede muoversi Higuain e lo serve, l’argentino con un diagonale dal limite insacca.

Al 32° Giuseppe Rossi esordisce con la maglia rossoblù, prendendo il posto di Galabinov. L’attaccante neo acquisto del Genoa si fa vedere al 36° con un tiro dalla distanza: alto.

Al 37° Asamoah perde un contrasto con Pellegri e nel tentativo di rimediare lo colpisce: il giovane attaccante frana a terra, l’arbitro assegna il calcio di rigore. Sul dischetto è già pronto Rossi, ma Maresca consulta il Var e annulla la decisione, assegnano un rinvio dal fondo.

Al 40° palla da Bentancur a Higuain: conclusione alta. Al 41° Matuidi prende il posto di Bernardeschi.

Al 44° Higuain salta due genoani e va al tiro: para Lamanna. L’arbitro fa recuperare cinque minuti. Nel primo di essi viene ammonito Ricci per fallo su Asamoah. Al 48° Gentiletti perde palla sulla trequarti; ripartenza bianconera e fallo su Dybala nella mezzaluna dell’area di rigore; lo stesso Dybala calcia la punizione: sulla barriera.

Finisce 2 a 0. La Juventus giocherà nei quarti di finale contro il Torino. Il Genoa può concentrarsi sul campionato: restano da giocare 21 partite e i rossoblù devono risollevarsi dall’attuale scomoda diciassettesima posizione.