Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Documenti falsificati sulla radioattività dei container in porto, arresti in ditte di spedizioni

Perquisizioni sono scattate stamani negli uffici delle imprese interessate, ritardi nelle operazioni doganali nello scalo

Genova. Emettevano certificati falsi in merito alle analisi radiometriche e in questo modo consentivano l’importazione di container contenenti ferro, aggirando alcune misure doganali, per snellire tempi e procedure.

Per questo alcuni dipendenti di società di spedizioni sono stati oggetto di misure cautelari emesse dal Tribunale di Genova, su richiesta della Procura ed eseguite dai Carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Genova. Due gli arresti domiciliari e quattro gli obblighi di firma nei confronti di altrettante persone.

I dipendenti delle aziende erano perfettamente, secondo le accuse, al corrente del contenuto dei container e passivamente utilizzavano i falsi documenti. Dall’alba di stamani, in porto, i Carabinieri sono stati impegnati in perquisizioni e controlli che hanno portato anche alcuni ritardi nelle operazioni portuali e doganali.

L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Pinto, ed è simile a un’altra che nel dicembre 2014 portò a tre arresti domiciliari e tre indagati.