Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Stalker dell’ex moglie, si apposta sotto casa di lei in via Diaz ma non passa inosservato alla Polizia

Un pregiudicato di 67 anni è stato arrestato in flagrante

Genova. Si è appostato in via Diaz, poco distante dalla Questura, cercando di nascondersi, prima tra alcuni veicoli parcheggiati e poi all’interno di una cabina telefonica dismessa, aspettando che la sua ex compagna uscisse di casa per pedinarla. I movimenti dell’uomo sono stati invece notati da una pattuglia di agenti della Polizia di Stato di Genova che ha immediatamente fermato l’uomo prima che potesse avvicinarsi alla sua ex compagna.

Accompagnato in Questura, Alessandro Corrado, 67 anni, pregiudicato, è risultato già sottoposto all’ammonimento del Questore di Genova e alla successiva misura cautelare del divieto di avvicinamento alla ex compagna, a causa delle sue precedenti condotte moleste.

In passato, non rassegnandosi alla scelta della donna di non volerlo più frequentare, spesso l’aveva aspettata sotto casa per incontrarla, le aveva inviato numerosissimi messaggi e in alcune occasioni era persino riuscito ad entrare all’interno del condominio dove lei vive e a lasciarle delle lettere sotto la porta d’ingresso dell’abitazione.

Ieri mattina, gli uomini della Squadra Mobile – dopo averlo fermato – gli hanno trovato in tasca l’ennesima lettera indirizzata alla donna, nella quale lamentava di non poterla più vedere e manifestava il suo sentimento di amore e odio in modo, a tratti ossessivo e compulsivo.

Inoltre, a margine della stessa, lo stalker aveva appuntato alcune targhe di vetture, spesso parcheggiate in via Diaz, nella convinzione potessero essere di proprietà di persone che la sua ex compagna frequentava.

Considerato l’atteggiamento compulsivo dell’uomo e il conseguente timore e stato d’ansia espresso dalla sua ex compagna, gli agenti della Squadra Mobile, coordinati dalla Procura della Repubblica di Genova, hanno proceduto all’arresto in flagranza del reato di atti persecutori.