Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Diga di Begato, casa comunale sfitta e “occupata” si rivela magazzino per merce rubata

Dentro il bottino: 20 mila euro in capi di abbigliamento trafugati a giugno da un outlet in Valfontanabuona

Genova. All’interno di un appartamento di via Maritano, già oggetto in passato di osservazione perchè possibile oggetto di attività illecite, è stato individuato un deposito di merce rubata dagli uomini del reparto di polizia giudiziaria della municipale genovese.

L’appartamento, libero e di proprietà comunale, ha subito una violazione con sostituzione abusiva della serratura. Dopo aver ascoltato le dichiarazioni di alcuni residenti, che segnalavano uno strano andirivieni dall’appartamento, lo scorso sette agosto gli agenti hanno fatto una irruzione mirata all’individuazione di eventuali occupanti abusivi e per verificare un eventuale uso dei locali per attività illegali.

All’interno, su un divano, sono stati ritrovati circa 85 capi di abbigliamento e accessori riportanti per la quasi totalità il cartellino di un consorzio per la vendita di capi di abbigliamento della val Fontanabuona, con relativo prezzo di vendita. Un rapido contatto con la stazione dei Carabinieri competente per territorio ha permesso di confermare che tutti i capi di abbigliamento rinvenuti erano stati rubati nel mese di giugno presso la sede del consorzio.

I capi di abbigliamento, composti da abiti, pantaloni, maglie ed accessori, sono tutti di grandi firme della moda italiana e francese. Il valore della merce recuperata, valutato al 50% del prezzo di listino essendo il consorzio un Outlet grandi marche, è pari a oltre 18 mila euro, che andrebbe raddoppiato nell’ottica di un prezzo di vendita ordinario.

A conclusione delle indagini, la merce è stata posta sotto sequestro ai sensi dell’art. 354 del codice di procedura penale, in attesa delle decisioni dell’Autorità Giudiziaria per la restituzione ai legittimi proprietari. L’appartamento di via Maritano è stato liberato e la serratura sostituita con altra le cui chiavi sono tornate nella disponibilità del Comune.