Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Anche un genovese tra i 14 denunciati per il maxi incendio sul Gran Sasso

L'origine delle fiamme nel Parco nazionale un barbecue mal gestito

L’Aquila. Sono in 14, hanno tra i 24 e i 38 anni, e dovranno rispondere di incendio colposo. Sono le persone ritenute responsabili dell’incendio che una settimana fa, in occasione di una fiera del bestiame a Campo Imperatore, sul Gran Sasso, si sprigionò da un barbecue allestito a terra.

L’incendio aveva bruciato prima le praterie e poi la vicina pineta. Le fiamme, nonostante un dispiegamento di uomini e mezzi aerei notevole, avevano attraversato, nel corso dei giorni, anche il versante pescarese del Gran Sasso bruciando, alla fine, circa 1000 ettari di territorio. Il rogo aveva interessato anche la zona della cima del Monte Siella, punto di distacco della valanga che lo scorso 18 gennaio aveva travolto l’hotel Rigopiano, uccidendo 29 persone.

Le indagini, su delega del sostituto procuratore della Repubblica dell’Aquila Fabio Picuti, sono state condotte dai carabinieri forestali. Le persone finite sotto indagine hanno tra i 18 e i 38 anni, quasi tutti originari del Pescarese, un torinese e, appunto, un giovane di Genova.