Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Guida in stato di ebrezza e abusivismo commerciale, le cifre del fine settimana nel Tigullio

Ecco i numeri degli interventi delle forze dell'ordine effettuati nei giorni scorsi tra Rapallo, Santa Margherita Ligure e Sestri Levante

Genova. Lo scorso fine settimana, i Carabinieri delle Compagnie di Sestri Levante e Santa Margherita Ligure, hanno operato controlli e pattugliamenti per contrastare l’abusivismo commerciale e aumentare la sicurezza stradale.

Nei dintorni di Rapallo,sono stati effettuati passaggi, soste e posti di controllo alla circolazione nei pressi di locali notturni e caselli autostradali: sono stati denunciati per “stato di ebbrezza alcolica” un genovese di 26 anni, un rapallese di 42 anni e due milanesi di 21 e 42 anni, sorpresi alla guida dei rispettivi veicoli con un tasso alcolemico fuori dai valori consentiti. Stesso contesto, sono stati segnalati all’U.T.G. 5 ragazzi di età compresa tra 19 e 26 anni, poiché trovati in possesso di modiche quantità di “hashish” e “marjuana” poi sequestrata.

I Carabinieri, insieme ad alcune unità di Polizia Locale, hanno anche operato controlli per prevenire l’abusivismo commerciale: denunciati per “attività di vendita di merce in assenza del titolo di autorizzativo Regionale”, una senegalese di 46 anni e tre cittadini del Bangladesh, tutti ambulanti, poiché in viale delle Rimembranze e passeggiata mare, sono stati sorpresi a vendere merce pur non essendo in possesso della prescritta licenza di vendita ambulanti, sequestrando numerosi prodotti del valore commerciale di 4.000 euro, inoltre sono state effettuate sanzioni amministrative per un totale di 20.000 euro.

A Santa Margherita Ligure, invece, è stato denunciato per “ingresso e soggiorno illegale e esercizio dell’attività di commercio di prodotti con segni falsi, ricettazione e commercio di prodotti con segni falsi” un senegalese di 20 anni poiché sorpreso sul lungo mare di Rapallo, a porre in vendita “cinture, borse, collane e quant’altro” per un valore complessivo di 500 euro.