Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Correndo e marciando in Valbrevenna: vittoria e addio per Giulia Montagnin

Giulia Montagnin vince la prova a Clavarezza e saluta il suo team: i Maratoneti genovesi perdono una delle loro stelle. Vittoria maschile per Gabriele Poggi

Clavarezza. Giunge alla Correndo e marciando in Valbrevenna l’ottava vittoria stagionale di Giulia Montagnin, dei Maratoneti genovesi; insieme a lei vince, in campo maschile, Gabriele Poggi della Cambiaso Risso.

Quella di Giulia Montagnin è una vittoria dal sapore amaro: dal giorno dopo l’atleta genovese sapeva che, per motivi di lavoro, “si sarebbe trasferita e avrebbe perso gli amici della corsa e della sua società, con cui ha condiviso tanti bei momenti. Veramente toccante è stato il suo discorso di commiato durante la premiazione. Ha voluto ricordare la società, il presidente Claudio Vassallo e gli amici con cui ha condiviso gare e trasferte, in particolare Massimo Cavanna e Andrea Rattazzi. Giulia nei due anni che ha passato con noi ha dimostrato grandissime qualità atletiche e agonistiche, migliorandosi in continuazione. Una ventina di vittorie, un P.B. sulla maratona di 3h 06′ 03″ e sulla mezza di 1h 24′ 57″ sono risultati che testimoniano il suo valore. Sicuramente una delle migliori atlete, se non la migliore, che abbia indossato i nostri colori sociali dalla nascita dei Maratoneti Genovesi. Fino a fine anno sarà ancora una nostra atleta anche se i campi di gara in cui si cimenterà saranno lontani dai nostri abituali. Dopo la decisione spetterà a Lei e, qualsiasi sia la sua scelta, rimarrà sempre nei nostri cuori. Grazie Giulia!”.

La Montagnin si è imposta davanti a Laila Francesca Hero nella durissima gara di Clavarezza di 12 Km, i Maratoneti genovesi hanno piazzato tre atleti nelle prime cinque posizioni.

Tra gli uomini, alle spalle di Poggi è giunto Federico Capurro dell’Atletica valle Scrivia, terzo Andrea Rattazzi, dei Maratoneti genovesi; al quarto posto Marco Nerini, quindi Massimo Cavanna, entrambi compagni di squadra di Rattazzi.