Genova24.it - Notizie Genova e Provincia

Corte d’Assise di Genova: il processo diventa hot. Amanti focosi sorpresi tra i faldoni, udienza interrotta

Più informazioni su

Genova. Si sa che spesso non c’è limite alla passione che talvolta trova sfogo in luoghi non propriamente adatti alle effusioni amorose. Il luogo in questo caso è il Tribunale di Genova.

I fatti risalgono allo scorso 28 aprile. Nell’aula della Corte di Assise, al quinto piano di Palazzo di Giustizia, si sta tenendo il processo per la morte di Nanà, il clochard ucciso a sprangate a Brignole il 2 febbraio dello scorso anno. Il pubblico ministero Sabrina Monteverde sta concludendo il processo per omicidio volontario e sta per chiedere l’ergastolo per il secondo imputato (il primo è stato condannato a 14 anni con rito abbreviato).

Ad un certo punto però il giudice Anna Ivaldi, che presiede la Corte, interrompe l’udienza infastidita dai rumori e dai “mugolii” che provengono dalla parte alta di una parete, dove sono collocati dei piccoli uffici (raggiungibili da una scala di accesso posta accanto all’ingresso dell’aula), appena visibili a causa di uno spesso vetro smerigliato.

Rumori inequivocabili a quanto si dice, così come inequivocabile pare sia stata la scena, seppur sfocata, apparsa a giudici e avvocati che hanno alzato lo sguardo verso l’alto. Tra lo stupore e l’imbarazzo generale il giudice ha sospeso l’udienza mandando al piano di sopra un ufficiale giudiziario a interrompere i due focosi amanti. I protagonisti dell’episodio, divenuto ormai il principale argomento di conversazione nei corridoi del Palazzo, sarebbero due dipendenti del tribunale, un’impiegata e un autista.

Più informazioni su

Commenti

Avatar

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Genova24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.