Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Expo 2015, due progetti per valorizzare la Liguria: “Pesto e dintorni”, “Bagnun” e sagra del pesce per il Levante

Liguria. Expo 2015 non vedrà solo la presenza della Liguria a Milano ma l’esposizione universale sarà articolata anche in una serie di eventi collegati tra loro con 2 progetti di valorizzazione sul territorio.

La Giunta regionale ha approvato oggi un argomento presentato dall’assessore al Turismo, Cultura e Spettacolo Angelo Berlangieri e dall’assessore all’Agricoltura Giovanni Barbagallo che delinea le aree e i temi dei 2 progetti che verranno presentati al Ministero della Coesione Territoriale, cui è affidata la regia generale di questi contributi regionali.

Il Ministero, per organizzarli, ha messo a disposizione 5 milioni di euro di fondi europei riservati ai Comuni fra i 5 mila e i 150 mila abitanti, per cofinanziare – d’intesa con le Regioni – progetti di valorizzazione territoriale e culturale e per realizzare percorsi turistici, con particolare attenzione al tema agro-alimentare alla base dell’Expo, “Nutrire il Pianeta Energia per la vita”.

I progetti di Regione Liguria riuniscono in parte eventi già esistenti e già finanziati che potranno ora contare su questo contributo ministeriale per 300 mila euro, con la partecipazione di altri Enti pubblici e della compartecipazione anche di aziende private, per un totale di 450 mila euro.
Le proposte presentate, tra cui ne verrà alla fine scelta solo una, riguardano due aree specifiche della nostra regione, una a Ponente e una a Levante.

La prima è incentrata sulla produzione agro-alimentare tipica e di qualità, sull’olivicoltura e i suoi prodotti e sulla valorizzazione di due percorsi tematici del Ponente ligure. In particolare, si propone di mettere in rete due manifestazioni fieristiche di grande successo come il “Salone Agroalimentare” di Finalborgo e “Olioliva” a Imperia e di fare riscoprire le “Antiche vie del Sale” che vanno dalla Riviera di Albenga e di Imperia verso il nord Italia e “La via dell’Imperatrice” (dalla Riviera di Finale Ligure al Ducato di Milano attraverso la Val Bormida). Prevede inoltre di ospitare stabilmente il Forum della Dieta Mediterranea a Imperia.

La seconda vuole promuovere le produzioni tipiche e di qualità – in particolare vitivinicole, biologiche e legate alla pesca e alla acquacoltura – del Levante ligure, attraverso una serie di manifestazioni già esistenti, da “Biological” a Varese Ligure, a “Liguria da bere” a La Spezia, a “Pesto e dintorni” (Lavagna), da “Mytiliadi” a Lerici alla sagra dell’acciuga di Monterosso, del pesce di Camogli e del “Bagnun” a Sestri Levante.

L’obiettivo di fondo è quello di promuovere alcune zone rendendo più facile raggiungere e visitare beni storici e ambientali, coinvolgendo realtà medio-piccole.

Entro fine marzo la decisione del Ministero sui 25 progetti definitivi approvati in tutta Italia.
I progetti regionali, tra cui le due proposte della Liguria, sono una delle 60 azioni inserite dal Governo in Agenda Italia per Expo Milano 2015.