Genova24.it - Notizie Genova e Provincia

Genova 2012, il doppio salto di Ottonello da assessore con Vincenzi a sostenitore di Vinai video

Genova. Marta Vincenzi lo volle nella sua squadra di Tursi. Polemiche a non finire nel centrosinistra cittadini quando Ottonello, da sempre considerato vicino al centrodestra si trovò protagonista in una Giunta guidata dal Pd.

Scelto Marco Doria come candidato del centrosinistra Ottonello ha fatto il carpiato, il salto all’indietro. Di qua e di là.

“La mia presenza qua significa che ho finito un’esperienza che era basata prevalentemente sulla conoscenza reciproca e del metodo amministrativo tra me e il sindaco Vincenzi, e anche sul profonda stima personale che mi ha consentito di fare esperienza e mettere in gioco le mie competenze”.

Poi qualcosa è cambiato, attraverso le primarie. “Scelta che ritengo ovviamente un’autorete irresponsabile – commenta Ottonello – e credo di poter dare il mio apporto a una persona e a un amico come Pier Luigi Vinai e nei prossimi giorni rimetterò il mio mandato come credo sia doveroso fare”.

Certo bisogna anche capire dove porteranno le polemiche tutte interne al Pdl, se a questo punto non saranno molti quelli che nel centrosinistra si lamenteranno della sua assenza, ci sono quelli del centrodestra che invece mugugnano: “Io rispondo solo a me stesso, Vinai ha chiesto la mia disponibilità io l’ho data”.

Commenti

Avatar

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Genova24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Autore del commento
    Scritto da Fabio M.

    Inizia il calciomercato? Spero che Doria non prenda nessuno che era dall’altra parte, alle ultime elezioni regionali era un continuo di acquisti da parte sopratutto di Biasotti (Broglia, Bertolotto, Gasco, ecc…) ma anche di Burlando (Boitano, Capurro, ecc…).