Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fisco, nel 2011 scoperti 7500 evasori totali: oltre 50 miliardi di euro non dichiarati

Nel 2011 la guardia di finanza ha scoperto redditi imponibili non dichiarati per oltre 50 miliardi di euro, Iva non versata per oltre 8 e denunciato oltre 12 mila responsabili di reati e frodi fiscali. Oltre 902 milioni di euro sono stati sequestrati immediatamente ai responsabili dei reati fiscali; sul fronte dell’evasione fiscale internazionale, i redditi non dichiarati scoperti dalle Fiamme Gialle ammontano a circa 11 miliardi di euro.

A finire sotto la lente della guardia di finanza sono finiti principalmente i trasferimenti ‘di comodo’ delle residenze di persone e società nei paradisi fiscali e lo spostamento all’estero di capitali per non pagare le tasse in Italia. Rilevante è stata l’attività di contrasto alle cosiddette ‘Frodi Carosello’ che ha portato alla scoperta di quasi 2 miliardi di Iva evasa; le investigazioni sulle imprese e lavoratori autonomi sconosciuti al Fisco perché non presentano le dichiarazioni annuali (”sommerso d’azienda”) hanno portato all’individuazione di 7500 evasori totali che avevano occultato redditi per oltre 21 miliardi di euro; 12.676 i lavoratori ‘in nero’ scovati di cui oltre 2500 extracomunitari.

Sempre più elevato lo standard di qualità dei controlli: i verbali della guardia di finanza, nel 96 % dei casi, sono stati integralmente recepiti dall’Agenzia delle Entrate per il successivo accertamento. In aumento anche i casi di coloro che aderiscono spontaneamente ai rilievi mossi dai verificatori del corpo, consentendo l’immediata riscossione degli importi relativi al 10% dei verbali.

”Ora ci sentiamo meno soli”, ha rimarcato il Comandante Generale della Gdf, Generale di Corpo d’Armata Nino Di Paolo, nel commentare i dati di un anno di attività delle Fiamme Gialle nella lotta alla criminalità economica. Il riferimento va “alla particolare vicinanza dei cittadini e dei media nei confronti di chi è impegnato tutti i giorni a combattere l’evasione fiscale: un fenomeno, quest’ultimo, insidioso, nelle cui pieghe si celano spesso altri reati, sui quali, almeno fino ad oggi, pesava un maggior alone di discredito: il riciclaggio, la corruzione, l’emissione di fatture false per beneficiare indebitamente di fondi pubblici, l’illecito trasferimento di capitali all’estero o la commissione di reati di borsa, solo per citarne alcuni”.

Ma “i tempi sono cambiati”. In questo periodo di crisi economica, “anche chi prima giustificava come ‘furberia’ l’evasione non comprendendone la reale insidiosità, ha dovuto prendere atto della pericolosità sociale del fenomeno, da combattere con un’azione decisa, sinergica e, soprattutto, trasversale”. La Guardia di Finanza “ha tutti gli strumenti legislativi e operativi necessari per contrastare a tutto campo l’evasione, soprattutto quella più consistente e sofisticata: quella, in sostanza, delle triangolazioni fra società collocate nei paradisi fiscali, delle intestazioni fittizie di patrimoni, delle grosse operazioni elusive”.